Un temporalesco Venerdì: racconto e foto

Venerdì 14 Luglio ha portato temporali sparsi nella nostra regione, localmente intensi, i quali hanno contribuito a un generale calo delle temperature. Non sono mancati però danni e disagi dove i fenomeni son risultati più intensi. Ecco il nostro racconto e le vostre foto.

Foto di Michele Sensi da Casalgrande Alto

Maggiori accumuli sui settori occidentali e su bassa Romagna

Accumuli 14 Luglio 2017

Come testimonia la mappa curata da Meteonetwork i principali accumuli si sono registrati sui settori occidentali, specialmente nel Parmense, e poi in bassa Romagna, tra Faentino e Forlivese, con i temporali che sono risultati anche molto intensi: a Monte Palareto(FC) è stata rilevata un’intensità massima pari a 541.8 mm/h. Altre località tra cui Lughero(PR), Castiglione(FC) e Faenza-Santa Lucia(RA) han visto un rateo max superiore ai 300 mm/h. Alcune zone han visto invece pochi mm di pioggia, così come tante altre sono rimaste all’asciutto. La previsione comunque è stata rispettata, ossia i maggiori fenomeni hanno interessato le aree preventivate in partenza. Quando si parla di temporali è bene tenere a mente come non tutte le zone nelle quali è prevista possibilità di fenomeni temporaleschi saranno colpite nella stessa maniera, così come è importante “mettere in conto” la possibilità di eventi molto intensi, magari localizzati in pochi chilometri, che però possono portare episodi grandinigeni, con i conseguenti danni, e colpi di vento, che possono causare grossi problemi ad alberi e/o infrastrutture provvisorie e/o mobili.

Grandine e forte vento han portato danni e disagi in Romagna

La Romagna è stata interessata a metà/tarda mattinata da temporali che son risultati molto intensi tra Faentino e Forlivese, dove si son riscontrati danni dovuti alle raffiche di vento che han portato anche alla caduta di rami ed alberi. In Alta Valmarecchia una violenta grandinata ha causato danni dalle colture, già provate dalla siccità. Chaussures de mode Purtroppo le precipitazioni di Venerdì non hanno rappresentato una soluzione, in quanto risultate troppo localizzate e intense per poter apportare benefici.

Contestualmente è avvenuto un rinforzo della ventilazione da Nord-Est lungo la fascia costiera, con raffiche fino a 65 Km/h specie sulla parte settentrionale della costa, e all’aumento del moto ondoso con il mare che è risultato mosso. Qualche disagio in spiaggia a causa del sollevamento della sabbia a seguito delle raffiche. Dal pomeriggio si è assistito al ritorno della stabilità con ampie schiarite, e si è registrato un calo delle temperature su tutta la regione, rispetto ai valori registrati Giovedì 13 Luglio alla stessa ora, alcune località han fatto segnare fino a 6/8 gradi in meno.

Rete di monitoraggio che mostra il calo delle temperature rispetto a Giovedì 13 Luglio

Ora ci aspetta qualche giorno più fresco, prima del graduale rialzo delle temperature dalla giornata di Martedì 18 Luglio.

You may also like...